Trentanove scalini

Fate attenzione a chi incontrate all'uscita del teatro

Pubblicato il: 16 Gennaio 2014

Se all’uscita del teatro vi avvicina una signora che chiede ospitalità, siate prudenti. Potrebbe trattarsi di un agente dei servizi segreti. E se il mattino seguente la trovate accoltellata nel vostro appartamento? Da quel momento non avrete più pace.

25 gennaio 2014, ore 21
Trentanove scalini
adattamento di Patrick Barlow, dal romanzo di John Buchan e dal film di Alfred Hitchcock
Compagnia teatrale Colonna Infame (San Pietro di Feletto Tv)
Sirmione, Palazzo dei Congressi. Ingresso € 10,00

Serata di beneficenza a favore dell’Associazione Donna per Donna
e dell’Associazione Cani guida per ciechi

Trentanove scalini

Se all’uscita del teatro vi avvicina una signora che chiede ospitalità, siate prudenti. Potrebbe trattarsi di un agente dei servizi segreti. E se il mattino seguente la trovate accoltellata nel vostro appartamento? Da quel momento non avrete più pace.

Londra. Durante uno spettacolo teatrale in cui si esibisce Mister Memory, Richard Hannay, un giovane canadese, incontra una donna -Annabella Smith. La donna confessa a Richard di essere una spia a servizio dell'Inghilterra, e di essere vicino alla scoperta di un grosso intrigo internazionale, ma la notte stessa verrà assassinata. Prima di morire parla anche dei "39 scalini", una congrega di pericolose e spietate spie, di uno strano personaggio che vive in Scozia che conosce la verità.

Richard si sente in pericolo di vita, e decide di raggiungere la Scozia quando la polizia inglese, subito dopo la scoperta del cadavere nella sua abitazione, comincia a dargli una caccia spietata. Comincerà una lunga fuga, costellata da molti tradimenti, ed in compagnia di Pamela, un'avvenente bionda, precedentemente incontrata. La fuga porterà Richard in un convegno politico, in una casa abitata da un vecchio piuttosto avido e manesco, nella brughiera scozzese, in un albergo gestito da una coppia di anziani scozzesi e nella casa del nemico e si concluderà nuovamente nel teatro durante l'esibizione di Mister Memory dove la verità finalmente verrà a galla.

Compagnia teatrale Colonna Infame

La compagnia nasce nel 1986 a Conegliano. I suoi componenti provengono da esperienze musicali, letterarie e di videoclip. Tutto confluisce nel teatro, creando uno stile di comicità costituito da un forte impatto visivo, un’incalzante struttura ritmica e un’accattivante scelta testuale. Il debutto avviene nel 1988 con “Play it again, Sam” di Woody Allen.

Nel 1989 comincia un periodo di sperimentazione. Vengono rappresentate le “Facezie” rinascimentali di Poggio Bracciolini, l’atto unico ecologico “Contro lo sporco più sporco” di Paolo Zardetto e per la radio il giallo “Sera d’Autunno” di Friedrich Dürrenmatt.

Nel 1990 inizia la collaborazione con l’American School of Classical Ballet, che la compagnia affianca creando le pantomime per i balletti de “Lo Schiaccianoci”, “Cenerentola”, “L’uccello di fuoco” e “Petrouchka”.
Tutte queste esperienze confluiscono in “Mobilitazione, Generale”, spettacolo basato su una commedia di Boris Vian ritradotta, arrangiata ed elaborata da Paolo Zardetto e andato in scena dal 1992 al 1994. Memorabile la rappresentazione nel cortile della ex-caserma San Marco di Conegliano, in una versione con tre scenografie affiancate.

Nel 1994 la compagnia vara un progetto dedicato ai bambini, con due spettacoli per le scuole elementari: “Il bambino che non voleva dormire”, tra l’altro proposto a Natale nella Clinica Pediatrica di Padova; e “Non tutti i maghi vengono per nuocere”. Inoltre in corsi allestiti nelle scuole elementari e nei centri estivi, vengono messi in scena testi scritti assieme ai ragazzi, come “Tic Tac — la storia del tempo”, o preparati dalla compagnia, come “Colombo – Viaggio alla scoperta dell’America”.

Nel 1999 la compagnia ritorna al teatro brillante moderno con “Camere da letto” una commedia di Alan Ayckbourn, che ha portato all’assegnazione del “premio alla Cultura Lions” a Conegliano, per l’anno 2000.
Nel 2001 la compagnia ha completato l’allestimento del nuovo spettacolo, “Black Comedy” di Peter Shaffer che ha debuttato a Conegliano nell’ottobre dello stesso anno. Lo spettacolo tutt’ora in programmazione nei teatri del Triveneto ha portato importanti riconoscimenti di pubblico e di critica. Ha partecipato inoltre al Festival Nazionale “Il Mascherone” 2002-2003, a Bolzano vincendo il premio per la migliore regia.
Nel 2003 è arrivato il nuovo spettacolo “Pallottole su Broadway” adattamento dall'originale "Bulletts over Broadway" di Woody Allen, che ha portato ottimi riconoscimenti di critica e pubblico. Lo spettacolo ha partecipato al Festival Nazionale "Il Mascherone" a Bolzano portando a casa tre premi: per la migliore attrice caratterista (Marina De Carli nel ruolo di Olive), per il miglior attore protagonista (Athos Tassi nel ruolo di Cheech) e primo premio assoluto come miglior spettacolo. La partecipazione al Festival Regionale UILT tenutosi a Padova ha premiato nuovamente Athos Tassi come miglior attore protagonista e Eddi Martellato e Paola Cibin come migliori attrici non protagoniste (rispettivamente nel ruolo di Helen Synclair e Ilde Brandsley).

Nel 2005 ha debuttato "Provaci, Amleto" di Gianni Della Libera, con la regia dello stesso autore e di Marina De Carli. Lo spettacolo si è aggiudicato il secondo premio al Concorso Nazionale di Prosa Don Bosco di Rovigo e un premio al Festival Nazionale "Il Mascherone" edizione 2007 per la migliore attrice caratterista (Marina De Carli nel ruolo di Hollie).

Il 2007 ha visto il debutto di "Terapia di gruppo", di Cristopher Durang che ha inaugurato Scena Ridens nell'ultima edizione con un tutto esaurito già alle prime ore del pomeriggio.

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.