Sinopie: secondo appuntamento a Teatro

Le vicende sacre e profane di un'abbazia

Pubblicato il: 25 Novembre 2014

Il vecchio offriva del vino santo ai due fidanzatini, loro bevevano, diventavano allegri, sinceri e dopo un po’ arrivavano a vedere e a parlare con i fantasmi, sì con le povere anime di quelli che vissero le vicende dell’abbazia, vicende sacre e profane

6 dicembre 2014, ore 21
Sinopie di Piero Dal Prà
Prototeatro, Montagnana , (Pd)
Sirmione, Palazzo dei Congressi, ingresso € 5,00

Sabato a Palazzo, rassegna teatrale, 12^ edizione

Si potrebbe definire "Un inno all'amore" ma potrebbe essere anche di più perché i campi di interesse messi in discussione nell'incantato "diradar di nubi di struggenti malinconie, di prepotenti passioni e di “nascoste malignità" riconducono alla delicata storia d'amore di Anna e Paolo.

Sinopie

Nel paese la “fola” è passata di bocca in bocca per anni e si è così arricchita di particolari fino ad assumere l’aspetto di un thriller; i suoi personaggi sono caduti in un mistero così profondo da non poter essere descritti con fisionomie in qualche modo riconducibili a una realtà recente.
Le storie sono storie ma nell’antica abbazia è comunque probabile che un vecchio matto, una specie di custode, abbia abitato, ma chissà in quale anfratto e in quale “segreta” si sia nascosto per anni…. per secoli.
E’ certo che in questo stesso luogo due fidanzatini, certi Anna e Paolo, erano soliti incontrarsi, ma c’è chi è sicuro nel dire che ora entrambi, pur se ormai maturi, non vogliono affatto parlare di quello che in una breve parentesi della loro vita hanno vissuto e veduto; è altrettanto sicuro inoltre che l’ultima volta che il parroco del paese, quel don Celestino Cavestro, è stato visto, stava proprio dirigendosi
verso il colle dove l’antico cenobio, in perfetta solitudine, poggia le sue umide pietre. Che cosa andava cercando il prete in quel luogo solitario? I due ragazzi, forse? Oppure voleva parlare con il misterioso, longevo “custode”?
Ma Anna ha tenuto un diario e in alcune di quelle pagine, in effetti poche, si legge….

Prototeatro

La Compagnia Prototeatro nasce a Montagnana (PD) nel 1971 come gruppo di sperimentazione, cercando nel linguaggio gestuale nuove forme di espressività teatrale.
Risale a quel periodo la rievocazione di temi mitologici e fiabeschi ed è dal ’71 al ’75 che la Compagnia porta i propri lavori in manifestazioni internazionali: Festival Universitario Teatrale di Zagabria, di Urbino, Laboratori nell’ ambito della Biennale di Venezia, ecc… opere sulla Commedia dell’Arte e sul Teatro Medioevale forniscono alla Compagnia l’occasione di partecipare a interessanti manifestazioni a tema, come Feste Medioevali, Spettacoli in Castello e Rievocazioni storiche in tutta Italia.

CONTATTI E INFORMAZIONI
Comune di Sirmione. Ufficio Cultura e Turismo
t 0309909184 f 0309909101
cultura@sirmionebs.it

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.