Lugana di Sirmione

La storica località di Lugana di Sirmione si trova in posizione orientale rispetto a Colombare, tra il lago e l’entroterra divenuto il cuore della produzione dell’omonimo vino.

Collegata direttamente al centro storico di Sirmione anche attraverso la passeggiata a lago che prosegue fino al parco e alla spiaggia di Punta Gro, Lugana offre un’ampia ricettività turistica e ristorativa.

Punto nodale del borgo odierno è anche la Chiesa di Santa Maria Immacolata in Lugana, sorta tra il 1910 e il 1912.

Oggi Lugana si estende sul territorio sino a comprendere il borgo di Rovizza, l’antica tenuta dei conti Rovizzi. Qui si può visitare la chiesetta dedicata a sant’Orsola, un tempo cappella nobiliare, e il Monumento all’Alpino, testimonianza del sacrificio di molti Sirmionesi che militarono in questo Corpo.

 

Storia

A sud della penisola di Sirmione si estendeva l’antica selva Lugana o Ligana o Lucana o Litana.

A causa della sua posizione strategica, essa fu teatro di numerosi fatti d’armi, tra i quali lo scontro tra Costantino e Massenzio nel 312 d.C.

Forse proprio qui nella selva, in un luogo imprecisato, il papa Leone Magno nel 452 d.C. avrebbe convinto Attila, condottiero degli Unni, a ritornare al nord.

I toponimi presenti in questa zona, quali san Benedetto, san Vigilio e san Martino, ricordano l’opera di bonifica agraria svolta anche qui dai monaci. La selva era però quasi sparita all’inizio del XVI secolo, poiché fu colonizzata e sfruttata come terreno agricolo.

I terreni argillosi delle zone ancora coltivate producono il celebre vino Lugana.

 

La mappa di Sirmione

Condividi

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.