Maria Stuarda

Il potere è un sogno strano: Dacia Maraini al Palazzo dei Congressi il 21 novembre

Pubblicato il: 12 Novembre 2015


Maria Stuarda

di Dacia Maraini
Compagnia Teatro dell’Accidente (Forte dei Marmi, LU)
Rassegna teatrale Sabato a Palazzo, XIII edizione
Sabato 21 novembre, ore 21, Palazzo dei Congressi
Ingresso 5

La storia delle due regine, già scritta da Schiller nell'Ottocento, qui si sdoppia in quattro personaggi: oltre alla Stuarda e a Elisabetta, le rispettive dame di compagnia si confrontano in un sottile duello verbale. Racconta l'autrice: «Nel 1979 mi chiesero di rivedere il celebre testo di Schiller, per riportarlo in scena in una nuova edizione. Leggendolo e rileggendolo con attenzione, mi resi conto che, nonostante fosse intitolato a una donna, in esso le donne erano poco presenti. Le due rivali, che sono l'una l'ossessione dell'altra, si incontravano in un solo dialogo e tutto il resto era soprattutto affidato ai personaggi maschili di Mortimer e Leicester. Allora ho pensato di rovesciare tutta la vicenda, moltiplicando i ruoli femminili, per descrivere il rapporto tra le donne e il loro diverso atteggiamento nei confronti del potere». Donne e potere: è dunque questo il tema della rappresentazione. Maria Stuarda, nata regina, non sa amministrarlo. Riprende la Maraini: «Non è razionale, quindi non riesce a vedere la realtà per ciò che è, ma solo per come la immagina, rendendola più bella. Maria sogna: sogna di ricostruire il suo paese, sogna l'amore, sogna di incontrare un uomo meraviglioso. E invece sbaglia tutto». Elisabetta è invece una fine mente politica. Aggiunge l'autrice: «È energica, dura prima di tutto con se stessa. Ha rinunciato alla vita sentimentale per il potere, che sa gestire con intelligenza e sagacia». Speculari le regine, speculari anche le due governanti: se quella della Stuarda è una sorta di anziana, dolce nutrice, che accompagna la sua regina fino alla morte, l' altra è una giovane e spudorata arrampicatrice sociale. Uno sdoppiamento, per le due protagoniste, quasi schizofrenico.
Una sintesi dell'universo femminile che può essere ancora attuale? Risponde la Maraini: «Il difficile rapporto tra le donne e il potere non è stato risolto all'epoca delle due regine e non lo è tuttora: le contraddizioni sono irrisolvibili, perché sono culturali. La nostra società, tutt'oggi, non è organizzata affinché le donne possano avere potere, perché non lo prevede».

 

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.