L’Anatra all’arancia a Teatro

La moglie se ne andrà o perdonerà il marito farfallone?

Pubblicato il: 5 Dicembre 2014

Riuscirà il marito a dissuadere la moglie dai propositi di fuga? E la moglie, potrà mai perdonare il marito farfallone?

13 dicembre 2014, ore 21
L’Anatra all’arancia di Marc Gilbert Sauvajon
GAD Trento
Sirmione, Palazzo dei Congressi, ingresso € 5,00

Lui: simpatico mascalzone, quarantacinquenne sceneggiatore TV di successo, Lei: dedita alla casa e alla cura dei bambini, annoiata… anzi… arrabbiata! Inevitabilmente salta fuori l'Altro, segni particolari: serio, distinto e per giunta nobile.

L’Anatra all’arancia

Sposati da 10 anni, Lisa e Livio, ricchi e affermati, amano le avventure facili e si tradiscono. L'equilibrio tra loro viene compromesso dall'arrivo di un distinto giovane straniero, Jean-Claude, che si invaghisce di Lisa che ne accetta la corte. Livio cerca di allontanarlo colpendolo nell'orgoglio e, quando Lisa accetta di partire con lui, in motoscafo li segue convinto, a ragione, che la moglie non riuscirà ad abbandonarlo.

Quattro personaggi scolpiti tra comicità e satira psicologica, che animano una vicenda umoristica, con continui colpi di scena e battute frizzanti, condiscono e danno sapore a “L’anatra all’arancia” piatto aristocratico che sta preparando per gli ospiti una divertentissima cameriera.

Gad Trento

Un gruppo di amatori del teatro nel 1946 da vita alla compagnia "T.S.T." dei postelegrafonici, con repertorio in parte in italiano in parte in dialetto.
Nel 1953 diventa "Sperimentale Città di Trento". Fondatore e anima del gruppo è Mario Roat, grande uomo di teatro, sotto la cui regia (fino al 1977, data della sua scomparsa) vengono allestite opere classiche e contemporanee nella ricerca costante di un teatro di contenuti e di impegno. Il gruppo visita spesso anche comunità di italiani all'estero (Inghilterra, Olanda, Belgio, Germania, Svizzera e Francia).
Nel 1979 la regia è affidata ad Alberto Uez e l'attività si indirizza verso due filoni culturali: il teatro comico nei secoli, ("Miles gloriosus" di Plauto, "La Farinella" di G. C. Croce, "Le intellettuali ridicole" di Mòliere) e la presentazione di una drammaturgia del '900 significativa ("Il diario di Anna Frank" di Goodrich e Hackett, "La gatta sul tetto che scotta" di T. Williams, "A.A.A. cercasi suicida" di N. Erdman, "Victor" di R. Vitrac, "Piccola Città" di T. Wilder, "Il crogiuolo" di Arthur Miller, "Sinceramente bugiardi" di Alan Ayckbourn, "L'ispettore generale" di N. Gogol), con un contributo anche al teatro dialettale trentino: "La siarpa de la sposa" di Gabriella Scalfi e "Cara mamma state di coraggio…" di Antonia Dalpiaz.
Oltre a visitare il territorio provinciale e regionale, la compagnia, nell'ultimo decennio, partecipa varie volte ai maggiori festival: Pesaro, Macerata, Vicenza, Gorizia, Chioggia, Monza, Schio, Nave di Brescia e Mantova, ottenendo spesso riconoscimenti e premi, sia individuali che collettivi.

CONTATTI E INFORMAZIONI

Comune di Sirmione. Ufficio Cultura e Turismo
t 0309909184 f 0309909101
cultura@sirmionebs.it

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.