La storia di Ignaz Semmelweis, che ci insegnò a lavarci le mani

Oggi Google lo ricorda con un doodle, che comprende le istruzioni per farlo molto bene

VENERDÌ 20 MARZO 2020

Ignaz Semmelweis fu uno scienziato vissuto nel Diciannovesimo secolo, celebrato oggi da un doodle di Google: la celebrazione non è per l’anniversario della sua nascita o della sua morte, ma è legata a una scoperta che Semmelweis fece e che si sta rivelando fondamentale in questi giorni di pandemia di coronavirus (SARS-CoV-2).

Semmelweis infatti è considerato il primo scienziato a capire l’importanza di un’adeguata igiene per prevenire le infezioni, compresa la buona pratica di lavarsi le mani accuratamente. Per questo Google lo celebra con un breve video in cui viene mostrata la tecnica corretta per lavarsi le mani.

La bella storia di Semmelweis (storia che finisce tragicamente) è raccontata in un articolo de ilpost.it.

Come lavarsi le mani per ridurre il rischio di infezioni

Il doodle di Google dedicato al dottor Semmelweis

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.