Heidegger e gli ebrei. I <>

di Donatella Di Cesare

CONSIGLI DI LETTURA

Heidegger e gli ebrei. I <<Quaderni neri>>

di Donatella Di Cesare

Bollati Boringhieri 2014 

I Quaderni Neri sono composti da trentatré taccuini di colore nero che raccolgono una serie di riflessioni filosofiche elaborate tra il 1931 e il 1969 da Martin Heidegger. Il filosofo tedesco volle che fossero inseriti nell’edizione completa delle sue opere dopo la pubblicazione di tutti gli altri volumi. La filosofa Donatella Di Cesare ha analizzato le implicazioni delle riflessioni di Heidegger in merito agli ebrei e all’antisemitismo e ha posto alcuni interrogativi: perché Heidegger ascrive agli ebrei l’oblio dell’Essere? Qual è il rapporto tra l’Essere e gli ebrei? In che senso viene imputata agli ebrei la colpa più grave, da cui dipende il destino dell’Occidente? I Quaderni Neri, oltre a rivelare una prospettiva inedita sul pensiero del più grande e controverso filosofo del Novecento, hanno suscitato un intenso dibattito culturale. 

I Consigli di lettura della Biblioteca Comunale di Sirmione

 

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.