Enzo Boletti: Dall’inferno sovietico al miracolo economico

Manlio Paganella presenta il suo libro alla Sede degli Alpini in via Mantegna

VENERDÌ 14 MAGGIO 2021

Enzo Boletti
Dall’inferno sovietico al miracolo economico
Sede Associazioni Alpini, via Mantegna
venerdì 14 maggio, ore 18:00
Non è necessaria la prenotazione. La gestione della platea sarà effettuata osservando le norme di sicurezza anti-Covid

Il libro

La vita di Enzo Boletti (1919-2005) è un avvincente alternarsi di colpi di scena che spaziano dalle verdi colline del Garda all’inferno sovietico.Enzo fu un giovane animato, come tanti, dal desiderio di servire la Patria: diventò alpino, conoscendo gli orrori della Seconda guerra mondiale sul Fronte Orientale e l’eroismo della Resistenza polacca, di cui diventerà un celebrato eroe, per poi ritrovarsi prigioniero nella Siberia di Stalin. Il suo incubo nei Gulag durerà oltre un decennio: sarà infatti l’ultimo reduce italiano a essere liberato. Nel suo carcere tra i ghiacci della Siberia non si lascerà però annientare e al rientro in patria lo attenderà un’instancabile attività di amministratore pubblico e di promotore dell’economia locale.Resterà per sempre legato alla grande famiglia degli alpini e sarà il fondatore del primo Museo Internazionale della Croce Rossa a Castiglione delle Stiviere. Questa è la sua prima dettagliatissima biografia che attinge a un’impressionante quantità di materiali inediti provenienti dall’archivio di famiglia e alle testimonianze degli amici che lo conobbero da vicino.

L’autore

Manlio Paganella, nato a Mantova nel 1948, risiede a Castiglione delle Stiviere (Mantova), ha insegnato Filosofia e Storia presso il Liceo classico Francesco Gonzaga. Ha conseguito la laurea in Filosofia e quindi il diploma di perfezionamento all’Università  di Padova. E’ felicemente sposato con Paola, padre di Rolando, Umberto, Riccardo, e nonno. Tra le sue numerose pubblicazioni si segnalano: San Luigi Gonzaga. Un ritratto in piediCinzia, Olimpia e Gridonia GonzagaAlle origini dell’Unità  d’ItaliaDon Giovanni Battista Casnighi. Un prete del Risorgimento mantovanoLa dottrina sociale della Chiesa e il diritto naturale. Collabora alla rivista Studi cattolici ed è console mantovano del Touring Club Italiano. La città  di Castiglione lo ha insignito della civica benemerenza Luigi d’oro (2008) «per la valente attività  di insegnante, per la sua preziosa opera di studio, per la sua appassionata testimonianza politica».

La locandina scaricabile

 

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.