Chiesa San Salvatore

Fondata tra il 766 e il 774

CENTRO STORICO

Ai piedi della collina di Cortine nel castrum di Sirmione, la regina Ansa, moglie del re longobardo Desiderio, fondò tra il 766 e il 774 circa il monastero di San Salvatore.
La chiesa era costituita da un’unica navata, scandita da tre pilastri per lato e terminante in un presbiterio rialzato. La parete absidale era rettilinea, con estremità arrotondate e sotto il presbiterio si apriva una cripta formata da tre ambienti absidati. Lo spazio centrale, dotato di altare, era di dimensioni maggiori e fungeva da sagrestia.
Sotto il piano pavimentale della navata vi erano numerose sepolture. All’inizio del Novecento l’edificio venne semi-distrutto dai contadini divenuti proprietari del luogo e la successiva sistemazione dei giardini pubblici comportò l’asporto di una mole notevole di terreno da quella zona. Il restauro effettuato nel 1959 è riuscito a ripristinare l’aspetto primitivo dell’area absidale e a riportare alla luce gli affreschi della cripta.

Pillole di Sirmione

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.